Top e flop della prima serata del Festival di Sanremo

È proprio il caso di dirlo:”Sanremo è Sanremo!” Sono state tante le critiche mosse, chi affermava che sarebbe stato meglio rimandare. Chi dice che farlo comunque è stato irrispettoso. È giusto ricordare che parliamo pur sempre del Festival della canzone italiana.

Una nota critica va fatta: la mancanza del pubblico non giustifica assolutamente le gag un po’ stonate e monotone. Fiorello porta carica ed energia. Per Amadeus mi viene da citare un’affermazione di poco gusto fatta da lui stesso l’anno scorso: “Amadeus è un conduttore capace di fare un passo indietro sulla scena e lasciare spazio ad altri uomini.” Look dei due conduttori da rivedere, poteva andare peggio.

Nel caso della splendida Matilda De Angelis beh, ha iniziato con un abito che ha fatto storcere non poco il naso. Diciamo che il suo look ha seguito,poi, la sua scioltezza sul palco: un crescendo di eleganza, professionalità e freschezza!

Passiamo adesso ai nostri cari artisti in gara, con tanti complimenti ai quattro giovani che hanno saputo mettersi in gioco! A loro i nostri migliori auguri.

  • ARISA: Si vede che quel palco è casa sua. Un perfetto tailleur rosso incornicia la figura di Arisa padrona di sé e del palco. La canzone merita certamente il podio.
  • COLAPESCE E DIMARTINO: Un buon inizio per il duo nonostante il look decisamente da rivedere. Un sound fresco, che ci ha fatto innamorare dei due artisti.
  • AIELLO: Deludente. Un grande peccato, il testo merita l’interpretazione un po’ meno. Styling buono, ma look totalmente da rivedere. Speriamo si rifaccia nella serata dei duetti.
  • FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ: È incredibile come uno degli uomini più invidiati al mondo, abbia mostrato tanta umiltà su un palco come quello del festival. Francesca, invece, è stata una sorpresa.una donna forte, sicura di sé. La canzone merita, speriamo Fedez sappia gestire meglio l’emozione. Comunque un Versace è pur sempre un Versace, grazie Donatella!
  • MAX GAZZÈ: Un personaggio a tutto tondo, forse un po’ esagerato sul palco dell’Ariston. D’altronde Max è un artista che potrebbe permettersi di tutto. Per quanto riguarda il pezzo, c’è bisogno di un secondo ascolto.
  • NOEMI: Trasformata nello spirito e nel fisico! Una bella sorpresa, una grande donna è un abito forse troppo poco scenico. La canzone merita soprattutto per il sound.
  • MADAME: Un approdo incredibile, ma sapevamo che non sarebbe stata capita. Una delle artiste più grandi si presentò sul palco scalza, Elisa. Madame un successo simile se lo meriterebbe. Magari non sarà sul palco dell’Ariston.
  • MANESKIN: Fermi tutti e ringraziamo lo stylist dei Måneskin per aver partecipato a questo Sanremo con loro. Freschi, giovani e rock. La canzone merita, ma si poteva fare di più per un palco come l’Ariston.
  • GHEMON: Che peccato! Il look non aiuta e la canzone lascia un po’ a desiderare. Sarà stata l’emozione? Staremo a vedere
  • COMA_COSE: Il rosso porterà bene? Si spera, i due giovanissimi hanno cantato una canzone favolosa. Per il look aspettiamo la terza serata!
  • ANNALISA: Sarà finalmente questo l’anno di Annalisa? Stupenda, bella, potente. Il ritornello del brano tocca il cuore, un po’ tormentone. Uno dei look più belli insieme a quello dei Måneskin e di Arisa.
  • FRANCESCO RENGA: un po’ spento, forse stanco? Dov’è finito il Francesco Renga che ci ha fatto sognare con “Angelo”? Meno cupo e più energico, anche nel look per favore!
  • FASMA: Una performance bellissima se non fosse stato per il troppo Auto-Tune! Non che sia sbagliato, ma oltre all’eco vorremmo capire il testo. Aspettiamo il secondo ascolto e soprattutto un secondo look adatto ad un ragazzo della sua età.

E Achille Lauro? Per ora i look dell’anno scorso rimangono i migliori. Chissà cosa ci riserverà per questa seconda serata.

Attualmente la classifica della prima serata, secondo la giuria demoscopica, è la seguente. Voi cosa ne pensate? Chi è il vostro preferito?

  1. Annalisa – Dieci
  2. Noemi- Glicine
  3. Fasma – Parlami
  4. Francesca Michielin e Fedez – Chiamami per nome
  5. Francesco Renga – Quando trovo te
  6. Arisa – Potevi fare di più
  7. Maneskin – Zitti e buoni
  8. Max Gazzè – Il farmacista
  9. Colapesce e Dimartino – Musica leggerissima
  10. Coma_Cose – Fiamme negli occhi
  11. Madame – Voce
  12. Ghemon – Momento perfetto
  13. Aiello – Ora